Mentre tutta l’Italia aspetta che vengano sciolti i nodi sulla riapertura delle scuole a settembre prossimo e si evidenzia l’obiettivo di far tornare gli alunni in presenza nelle aule, anche attraverso lo stanziamento di cospicui fondi, siamo arrivati a pochi giorni dal 17 giugno, data di inizio degli esami di maturità.
In questo quadro -a detta degli esperti del settore scuola- ancora non perfettamente delineato, di sicuro emerge l’importanza di come declinare i temi riguardanti sicurezza e salute, binomio strettamente legato non solo ai presidi sanitari da adottare ma anche dalle nuove esigenze che ridisegnano l’edilizia scolastica per fronteggiare i rischi del virus covid 19.
E così, se nell’Italia che riparte c’è tanta voglia di tornare alla normalità ma con tutte le garanzie di sicurezza e salute in particolare per i più piccoli, la Scuola diventa davvero il banco di prova per le famiglie che attendono di sapere cosa si farà in concreto. Preziose in tal senso sono le considerazioni di coloro che da anni lavorano con passione e dedizione nel mondo della scuola per coordinare e predisporre il lavoro di tutti.
Così, in attesa di seguire i prossimi sviluppi che riguarderanno precisazioni e Linee Guida per settembre, abbiamo intervistato la dirigente scolastica Alessandra D’Agostino. La Preside, che vanta una consolidata carriera nella Scuola, avviatasi fin dalla fine degli anni ’80, dopo una ricca esperienza che l’ha vista attiva in ruoli molteplici presso diversi istituti, da settembre scorso, riveste l’incarico di dirigente scolastico presso l’Istituto Comprensivo Statale “Giovanni Palatucci” di Montella, in provincia di Avellino. Quali sono i criteri che garantiranno alle famiglie, ai ragazzi ed agli operatori scolastici tutti di tornare in classe in sicurezza? Quali sono i referenti e gli interlocutori qualificati per organizzare al meglio, tra supporto e condivisione di specifiche competenze, la riapertura dell’anno scolastico? Nella video intervista che segue il capo d’istituto Prof.ssa Alessandra D’Agostino delinea alcuni aspetti della scuola che dovremmo aspettarci, sottolineando quali precisazioni occorrano per consentire agli alunni ed al personale scolastico, la necessaria operatività in serenità e sicurezza, predisponendo strumenti economici e tecnico logistici adeguati agli scopi.

By | 2020-06-05T15:57:24+00:00 Giugno 5th, 2020|Attualità|

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: