Parma nel 2020 sarà Capitale Italiana della Cultura. Il titolo è stato assegnato durante la cerimonia pubblica nella sede del Ministero, a Roma, alla presenza del Ministro dei Beni e delle Attività culturali Dario Franceschini. “Battute”le città di Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso.

Costruiremo spazi e tempi di incontro e di dialogo – a parlare è Federico Pizzarotti, Sindaco di Parma – riconoscendo la ricchezza multiculturale della nostra storia trasformando con essa il nostro sguardo sull’oggi. Avremo il compito di suscitare cultura nei quartieri, di creare pensiero e benessere insieme a tutte le istituzioni e le associazioni della città, arrivando, con ogni sforzo, a coinvolgere ogni singolo cittadino. Lo faremo senza dimenticare che stiamo parlando all’Italia, che dobbiamo guardare sempre fuori dai nostri confini, perché Italia significa Europa e, di nuovo, il grande Tempo che ci ha portati fino a questo traguardo.

Il Sindaco Federico Pizarotti: “Parma, la nostra bellissima Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020, ce l’abbiamo fatta! Ora posso davvero dirlo: è stato un lavoro corale, intenso, difficile, appassionato e incessante. Un grande lavoro che ha compiuto insieme tutta la città. Nessuno escluso, e quando Parma resta unita non la batte nessuno. Nessuno. Una città che ha marciato compatta donando tutte le sue energie e le sue forze per ottenere questo importante riconoscimento, giorno e notte impegnata su questa sfida. Se mi guardo indietro pensando all’inizio, al 2012, mi viene da pensare questo: che cammino incredibile che ha fatto la nostra città! Che cammino incredibile ed entusiasmante. Ringrazio tutti di cuore, davvero: l’assessorato alla Cultura, le forze imprenditoriali e produttive, l’Università, il comitato scientifico di Parma2020, le associazioni, i parmigiani stessi, la mia Giunta e tutti i dipendenti comunali che insieme a noi hanno lavorato al grande progetto. Nell’euforia vorrei non scordare nessuno. Ora, il tempo di toccare il cielo con un dito e poi subito a lavoro, subito immersi in questa grande avventura che è Parma Capitale Italiana della Cultura. Con il cuore siamo qui, a festeggiare il risultato, ma con la mente siamo già al domani: pronti per fare di Parma una bellezza italiana ed europea. Sempre verso cose più grandi”. L’assessore alla Cultura Michele Guerra: “Oggi comincia un percorso decisivo per la nostra città, una scommessa di trasformazione culturale che poggia sulla condivisione di un progetto trasversale e partecipato. Parma 2020 non è un’etichetta o un premio da esibire, è una responsabilità enorme che ci pone sotto gli occhi di tutto il Paese e non solo. Abbiamo la forza e le capacità per compiere questo percorso e per non deludere le aspettative di chi ha visto in Parma il progetto più forte e il modello su cui investire”. Grande soddisfazione anche da “Parma, io ci sto!” che ha sostenuto la candidatura di Parma a Capitale Italiana della cultura 2020 presentata dal Comune di Parma. L’Associazione di imprenditori e imprese del territorio di Parma, ha fin da subito creduto nella sfida e nel progetto ed ha contribuito con idee, stimoli e un sostegno economico per far partire la candidatura.

“Siamo felici e profondamente orgogliosi di questa vittoria – afferma Alessandro Chiesi, presidente dell’Associazione -. Fin dalla candidatura ufficiale la città ha potuto contare sul sostegno di “Parma, io ci sto!”. Abbiamo lavorato moltissimo negli ultimi due anni come Associazione e come città, dando vita ad un vero e proprio lavoro di team che oggi ha dato i risultati sperati e meritati. Oggi come non mai siamo fieri di essere parmigiani e non vediamo l’ora di partire con questa nuova importantissima occasione per tutti”.

“E’ stata una grande gioia far parte della squadra e siamo fieri di aver contribuito a raggiungere questo importantissimo risultato. La nomina ha premiato il “modello Parma”, un sistema pubblico-privato che fonde in se tradizione, saper fare e innovazione. È una grande responsabilità ed è adesso che inizia la sfida: avanti tutta!” ha dichiarato Francesca Velani vicepresidente Promo PA Fondazione.

By | 2019-10-10T12:58:05+00:00 Ottobre 11th, 2019|Attualità|

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: