Erbe medicinali per le donne: quando la salute viene dal prato

“Interagire più consapevolmente con i professionisti del settore sanitario e comprendere come impiegare al meglio le piante medicinali per migliorare la salute”, è l’obiettivo che si prefigge “Il grande libro delle erbe medicinali per le donne” (Edizioni Sonda, 448 pagine, 19.90 euro). Lo scrive nella prefazione la naturopata canadese Cindy Gilbert coautrice della guida insieme alla giornalista italiana Roberta Maresci. Il risultato è questo volume che arriva il libreria domani. Dentro: 66 erbe medicinali più diffuse, dall’iperico alla lavanda e 35 disturbi di salute più comuni nelle donne, trattabili a suon di erbe. “Piante «amiche» delle donne: per risolvere o alleviare alcuni sintomi, come l’irregolarità mestruale o la scarsa produzione di latte, l’inappetenza o la depressione e altre malattie, quando per esempio i farmaci non sono sufficienti, o le terapie prescritte non sono tollerate.

Dall’iperico alla lavanda (da raccogliere nella notte di san Giovanni e combinare per combattere i casi di ansia, verruche genitali, herpes o depressione), passando alla shatavari (indicata come antiaging e nella cura di almeno cento malattie), l’elenco dell’erbario consigliato ne “Il grande libro delle erbe medicinali per le donne” è lungo e rigorosamente a «misura di donna» alle prese con malattie delle quali soltanto noi conosciamo ogni sfumatura di dolore e disagio”, dice Roberta Maresci. Sarà perché abbiamo una confidenza innata con la natura? Viene da chiedersi. E a domanda risponde la giornalista romana: “Il passato ci ha viste raccoglitrici, guaritrici, levatrici, medichesse e farmaciste. Anche se non tutte capaci come Clara Botzi di sentire le voci delle erbe che risuonavano nei campi (nel 1585), a suggerire le loro proprietà più segrete, oggi calendula, soia, salvia e menta sono alla base della farmacopea e non solo. Attenzione però a raccogliere con leggerezza fiori, foglie e bacche, perché esistono piante tossiche che rappresentano un pericolo al quale in genere si pensa poco.

Ci sono piante letali per l’essere umano, che in alcuni casi somigliano ad altri prodotti più noti e commestibili, con cui possono essere facilmente confusi. A chi non è capitato, in autunno e in primavera, di concedersi il gusto di fare lunghe passeggiate nei giardini e nei boschi? Un piacere cui cedere senza indugi, a patto di non cadere nella tentazione di mettersi in bocca o portare in cucina piante sconosciute o facili da confondere. Molte delle piante velenose sono proprio quelle da cui si ricavano principi con azione farmacologica. Per cui, attenzione: in questo libro la lettrice non troverà informazioni sulla cicuta (Conium maculatum), pianta velenosa per eccellenza, passata alla storia come quella con cui Socrate si diede la morte, tossica per la presenza di varie sostanze alcaloidi che inducono la morte per paralisi respiratoria. Non troverà indicazioni sull’assunzione dell’oleandro (Nerium oleander): cinque foglie, ingerite, possono bastare per uccidere. E non ci saranno tracce di altri insospettabili, come i frutti del lauroceraso (Prunus laurocerasus), dell’agrifoglio o pungitopo (Ilex aquifolium) e i semi della piracanta o agazzino (Pyrachanta coccinea), arbusto spinoso tipicamente utilizzato nelle siepi: anch’essi tutti mortali.

Viceversa troverà un ricco ventaglio erbaceo dove, a fare la differenza del beneficio, a volte è perfino il momento in cui si procede alla raccolta: l’esito dell’utilità varia addirittura dall’orario in cui si coglie la radice o il germoglio, oppure se la pianta è in fioritura o meno. Sbaglia chi crede che la terra sia solo da coltivare per raccogliere prodotti che finiscono sulla tavola. L’industria di produzione sanitaria lo sa bene”, racconta la Maresci  sottolineando che per ciascuna patologia esiste almeno un’erba prediletta nella sua gestione. “Sei depressa? Iperico e rodiola migliorano il tono dell’umore. Hai mal di testa da ciclo? Combattilo con la corteccia del salice bianco. Produci poco latte per il tuo bambino? Il fieno greco è un ottimo alleato. Soffri di osteoporosi? Dopo la soia, scendono in campo il cardo mariano, la cimicifuga racemosa e il trifoglio rosso”, conclude Maresci, sfogliando il volume che vanta il patrocinio della LILT, Lega Italiana per la Lotta ai Tumori sezione di Roma, e del Comitato Nazionale Italiano Fair Play riconosciuto dal CONI, per la capacità di presentarsi come un valido strumento volto alle buone pratiche di benessere.

By | 2019-10-30T21:13:13+00:00 Ottobre 30th, 2019|Libri|

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: