Due supereroi si aggirano per la città. Si chiamano Max Wheels e Tom Wolf e hanno fatto un patto: combattere le ingiustizie a cavallo delle loro sedie a rotelle. Arriva in libreria, “In gamba, fratello!”, il nuovo romanzo di Alessandro Principe, alla sua seconda fatica letteraria. L’autore e giornalista continua il suo raconto del reale, affrontando in questo libro i delicati temi della disabilità, dell’etichetta della diversità e della voglia di riscatto. Max e Tom sono disabili. Max è gentile e ottimista, Tom, arrabbiato e provocatorio. Insieme, si sentono invincibili e decidono di provare a “combattere” i nemici, da seduti. E ci riescono, forti dell’amicizia che li unisce e di una imbattibile ironia.  Attorno a loro, gli ostacoli di una città indaffarata e difficile, tra scalini, marciapiedi troppo stretti e pregiudizi ad ogni angolo. Avranno a che fare con personaggi di ogni tipo, ognuno alla ricerca di una soluzione per vivere decentemente. Affronteranno avventure grottesche, esaltanti e, a volte, pericolose. Fino alla battaglia più difficile. Quella contro se stessi.

“Noi siamo fuori e a qualcuno fa comodo. E dobbiamo pure essere buoni e cari. Ma io sono stufo e ho deciso che basta così. Adesso basta.L’autore

Alessandro Principe è nato a Verona nel 1974 e vive a Milano. Giornalista professionista, lavora a Radio Popolare, dove si occupa di politica ed economia. Ha due figli, due chitarre e ama le storie: ascoltarle, cercarle, raccontarle. Con Round Robin editrice ha pubblicato “Riscatto. Una storia vera d’amore e fabbrica”, vincitore del Premio “Il lavoro tra le righe”.

ROUND ROBIN EDITRICE

La Round Robin nasce con l’obiettivo di coniugare narrativa di giovani autori emergenti e inchiesta giornalistica. Negli anni si consolida nell’ambito della saggistica, del giornalismo investigativo e del graphic journalism con titoli dal forte richiamo al sociale e alla lotta alle mafie. Tra le firme che oggi compongono il catalogo Round Robin, anche nomi del giornalismo italiano mainstream come Gianni Barbacetto (Il Fatto Quotidiano) e Giovanni Tizian (L’Espresso). Molte le pubblicazioni degli ultimi anni in cui spiccano autori della grande letteratura italiana, da Andrea Camilleri al premio Nobel, Dario Fo, che hanno collaborato e contribuito ad alcune pubblicazioni (“Antonino Caponnetto, non è finito tutto” e “Sulla cattiva strada, seguendo Don Gallo”). Rinomati i premi assegnati alla casa editrice, tra cui il Premio Giancarlo Siani, il Premio Andrea Pazienza e la candidatura per quattro volte al Premio Strega, con “La guerra è finita”, “Orientalia”, “Atlas” e “Hostia. L’innocenza del male”.

By | 2019-11-10T12:31:48+00:00 Novembre 10th, 2019|Fumetti|

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: